Ansia e Attacchi di Panico

I meccanismi dell’ansia ci appaiono a volte tanto irragionevoli poiché ci portano a classificare come pericolosi eventi che in realtà sono innocui. Ad esempio l’aumento della frequenza cardiaca e della respirazione segnalano un senso di allarme in circostanze sociali quali il parlare in pubblico o passeggiare in una piazza in cui non vi è alcun pericolo evidente. E’ paradossale, eppure la persona sembra produrre inconsapevolmente quelle situazioni che maggiormente teme o detesta. Maggiore è la paura e maggiore potrà essere il rischio o la probabilità che ciò avvenga effettivamente.

Forme d’ansia comuni sono gli attacchi di panico, le fobie, i pensieri ossessivi e le compulsioni.autostima

Sudorazione, agitazione, tremolio delle mani e altre reazioni di paura rivelano uno stato d’ansia, consapevole o non consapevole, che può essere affrontato, compreso e risolto attraverso un percorso terapeutico specializzato nella remissione dei sintomi dell’ansia.

All’origine di uno stato d’ansia vi è sempre un nucleo profondo irrisolto di origine psicologica, dunque l’ansia non è organica ma mentale, e più che attraverso l’utilizzo di psicofarmaci (che eventualmente possono supportare un percorso psicologico ma di certo non sostituirsi ad esso) la guarigione dai sintomi dell’ansia è la conseguenza positiva di una rielaborazione personale e soggettiva di colui o colei che ha deciso di prendersi davvero cura di sé.

Vale la pena star meglio, sperimentare un nuovo modo di affrontare gli eventi, la vicinanza delle persone significative, una buona riuscita professionale, un confronto alla pari con la realtà che ci circonda.